360 gradi, Realtà virtuale (VR) e 3D: Guida alle Differenze.

360 gradi realtà virtuale

Facciamo un po’ di chiarezza riguardo tre concetti che sono sempre più usati nell’ultimo periodo: 360 gradi, Realtà virtuale (VR) e 3D.

L’utilizzo di questi termini sta diventando sempre più comune anche grazie alla diffusione di tecnologie spettacolari , come quella delle telecamere 360 gradi.

Realtà Virtuale (VR)

VR è l’abbreviazione per “Virtual Reality” ossia Realtà Virtuale. Tramite la realtà virtuale puoi interagire con l’ambiente virtuale. Puoi ruotare la visuale di 360° sia orizzontalmente che verticalmente. Poi anche muoverti avanti e indietro.

360 gradi realtà virtuale

Di solito viene impiegata nei videogames e ultimamente sta vivendo un grandissimo rinascimento grazie all’oculus rift. Anche grazie al supporto su facebook e alle crescenti camere 360 gradi che stanno uscendo nel mercato, la realtà virtuale sta avendo un boom! Tra poco tutti i film saranno in formato VR e sarà possibile vedere film Vr comodamente sul divano di casa.

Viene anche impiegata per navigare all’interno di foto, di video (registrati con le telecamere 360 gradi). E’ usata anche in programmi come Google Earth per navigare in prima persona nelle città o negli ambienti del pianeta terra riprodotto dal computer tramite le foto satellitari e i rilievi.

NOTA: in fotografia la sigla VR si riferisce anche a un sistema  di riduzione delle vibrazioni (nikonVibration Reduction) che hanno alcuni obiettivi. E’ presente negli obiettivi aventi la sigla VR appunto, per macchine fotografiche reflex. Non confonderti!

Nella realtà virtuale dovrai necessariamente utilizzare dispositivi o accessori, come gli occhiali oculus rift (nella foto sopra). Tramite gli occhiali controllerai i movimenti e la vista. Ci sono tanti altri modelli di occhiali a parte oculus, come quelli di zeiss, della samsung (che sono tra i più venduti) e altri.

Per alcune camere 360 gradi, tipo la 360fly che abbiamo recensito in questo articolo, sono stati sviluppati occhiali per realtà virtuale ad hoc.

Per usarli (vedi immagine sotto) basta aprire gli occhiali vr, metterci dentro il proprio cellulare e indossarli. Con il tasto in alto controllerai i comandi come se fosse il click del mouse. Il tutto è possibile tramite l’app installata sul tuo cellulare. L’applicazione provvederà automaticamente a dividere l’immagine in due, una per ogni occhio.

360 gradi realtà virtuale

360 gradi

Quando si parla di 360° si intende una foto o un video che hanno la caratteristiche di poter ruotale la vista mentre si sta fermi. Per capirci meglio, questo è un video 360°:

Il video è girato tramite una camera 360gradi, in questo caso una kodak sp360, ed è stato poi caricato su Youtube. Tu, seduto sulla tua sedia davanti al pc, puoi avviare il video e vederlo così com’è.

Oppure… poi usare il mouse (tenendo premuto il tasto sinistro e spostandolo sopra il video) e cambiare la vista. Così facendo ruoti di fatto il video. In pratica è come se tu fossi il regista dell’azione e se tu decidessi il punto di vista tramite il quale guardare il video.

Quindi 360° è diverso da VR, perchè non hai bisogno di nessun accessorio per vederlo/usarlo. Un puro video a 360° non necessita di occhiali VR per essere visto.

NOTA: Sai qual’è una via di mezzo tra il semplice vedere il video al pc e l’usare occhiali VR? Il cellulare! Se vai su youtube e guardi il video sopra col tuo smartphone, puoi ruotare il telefono per cambiare prospettiva e goderti una parte del coinvolgimento a 360°.

3D

In fine il 3D. Ovviamente il 3D (inteso quello cinematografico) non c’entra niente col 360°, è una cosa completamente diversa.

Hai mai guardato uno di quei film con gli occhialini? Quelli che ti danno la sensazione dell’immagine che “esce” dallo schermo e viene verso di te? Ecco quello è 3D. Non stai cambiando il tuo punto di vista, ruotando il video o cose simili. Stai usando un televisore 3D con semplicemente una tecnologia diversa per rendere più coinvolgenti  i video. Questo tipo di video si puo’ produrre tramite telecamere speciali (con due obiettivi paralleli) oppure tramite immagini digitali realizzate con programmi di computer grafica ( con programmi per disegnare in 3D come Maya, 3dstudio Max, etc..

360 gradi realtà virtuale

C’è da dire che queste tecnologie, 3D, 360 gradi e VR, possono anche essere combinate insieme. Ricorda però che prese singolarmente sono tutte cose e concetti diversi gli uni dagli altri.

Conclusioni:

Adesso dovrebbe essere tutto chiaro! Speriamo di aver fatto chiarezza e che adesso queste diverse terminologie e tecnologie abbiano per te un chiaro significato.

Potresti leggere anche:

  • Trialcom

    Noto che ci sono dei nuovi occhiali “vr” chiamati di terza generazione che a quanto pare non serve il telecomando ma si usa un pulsante magnetico.
    Qualcuno può spiegarmi meglio come funziona? se ci sono altre differenze tra i vecchi e nuovi “VR”
    Grazie….

  • Gabriele Giglio

    È ovviamente tutto corretto, se posso vorrei fare due puntualizzazioni: un filmato VR attivo è 360, ma “proiettato” da un cellulare dentro ad un visore.
    Il filmato 3D di cui hai parlato si chiama “stereoscopico”, un filmato generato con computergrafica tridimensionale pura (film d’animazione, per intenderci) è 3D, ma se visto su un normale televisore non è stereoscopico. Ci sono infine particolari televisori che sono autostereoscopici, “trasmettono” immagini stereoscopiche usufruibili senza occhiali polarizzati.